Venezia 2022: raddoppia l’evento #cinemaeweb tra il Lido e Murano

Una due giorni di incontri e di riflessioni all’insegna del cinema e dei linguaggi della comunicazione, nel segno dell’eccellenza e della sostenibilità ideata dal giornalista Massimo Lucidi e sostenuta da The Map Report, la testata giornalistica crossmediale dedicata interamente alla sostenibilità nata da un progetto Unesco, Citizen Platform, edita da Media Trade Company

 

Versione media immagine

Una due giorni ricca di appuntamenti e incontri tra la storica Vetreria Barovier & Toso di Murano e gli spazi istituzionali della 79 edizione della Mostra del Cinema di Venezia. “La metafora della visita nella secolare vetreria di Murano è stata colta e apprezzata dagli imprenditori e professionisti che hanno voluto aderire all’esperienza di ragionare sulla comunicazione – dichiara Massimo Lucidi. Sentir dire dal bravo Luigi Lucchetta, amministratore di una realtà energivora eppure sesta azienda più antica del mondo con 8 secoli di storia “non ci fermerà una bolletta” è stata una carica di positività, speranza e fiducia nel futuro, di cui tutti sentivamo il bisogno” conclude Lucidi. Sul palco del salotto di Ente dello Spettacolo – diventato televisivo, con i due dibattiti promossi da The Map Report TV canale Sky 513 – nella Sala Tropicana dell’hotel Excelsior al Lido di Venezia, sono stati i protagonisti le aziende, fondazioni, associazioni, professionisti che ogni giorno si impegnano a far diventare più bella e sostenibile la nostra vita.
Dalla Fondazione Romualdo Del Bianco che ha presentato il Festival dei Luoghi Parlanti tracciando uno straordinario quanto emozionante viaggio nel mondo che unisce persone, comunità e iniziative che fanno cultura della sostenibilità ambientale sociale ed economica. Per arrivare all’imprenditore Romano Solai Presidente di Sovean Group che ha calato su di sé l’espressione cara a Papa Francesco “conversione ecologica”, rinegoziando il business plan del gruppo e facendo nascere una nuova società “Ricarica”, dedicata alle energie rinnovabili. All’imprenditore del “Laboratorio delle eccellenze” del territorio Salvio Passariello: siamo con Ferrarelle nell’alto casertano dove tra pascoli estensivi, cura degli animali, ricette di tradizione e innovazione studiata da grandi chef con l’Agristor Due Torri ha fatto partire durante il Covid, un format di ristorazione nel Paese, originale e sostenibile, La Chiancheria, che sta facendo da subito numeri molto interessanti.
Segno che la sostenibilità non sono parole ma fatti misurabili, come ha dichiarato a gran voce Massimo Lucidi presentando Alessandro Agostini di karmametrix che misura tra l’altro la sostenibilità del mondo digitale. Interessanti spunti sono venuti dalla coach e scrittrice Alessandra Monasta, dall’architetto Egidio Raimondi che ha presentato un sodalizio professionale di filiera nel campo delle costruzioni, evidenziando la sostenibilità “non solo nel cosa ma anche nel come” si fanno le cose; un discorso che ha fatto il paio con quello dell’imprenditore di successo Giuseppe Caruso, titolare di Mondo Camerette, che ha raccontato come ha mosso i primi passi nella crescita del brand. Storie diverse eppure tutte raccontabili attraverso le tecniche del cinema perchè fortemente intrise di emozione, verità, passione che sono gli elementi che quando si accompagnano a professionalità, team, competenze e appeal il cinema sa tradurre in storie di successo. È questa la certezza portata da Ugo Di Tullio che ha presentato nell’occasione il suo ultimo libro, “il cinepolo green di Napoli”. Storie di eccellenza e sostenibilità.

Articolo di riferimento