Michael Bloomberg sta considerando Hillary Clinton come compagno di corsa?

Michael Bloomberg sta considerando Hillary Clinton come compagno di corsa?

“Siamo concentrati sul tema principale e sul dibattito, non sulla speculazione del vicepresidente”, ha dichiarato Jason Schechter, direttore delle comunicazioni di Bloomberg per la sua campagna.

Michael Bloomberg Hillay ClintonIl candidato alla presidenza democratica Michael Bloomberg parla a una folla a Chattanooga, nel Tennessee, mercoledì.
(credito fotografico: DOUG STRICKLAND / REUTERS)

Il candidato alla presidenza Michael Bloomberg sta considerando Hillary Clinton come un compagno di corsa, secondo il Drudge Report, che cita sondaggi interni positivi dalla campagna di Bloomberg.

Drudge ha anche riferito che Bloomberg sta pensando di cambiare ufficialmente la sua residenza da New York, dove attualmente risiede Clinton, in Colorado o in Florida, dove possiede case. Alcune interpretazioni del dodicesimo emendamento della Costituzione affermano che i candidati presidenziali e vicepresidenti non possono risiedere nello stesso stato, spiegando la necessità di Bloomberg di cambiare potenzialmente la sua residenza ufficiale.
Ci sono state molte speculazioni sul futuro di Clinton nella politica americana dopo la sua sconfitta di Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2016.

“Vuole tornare”, ha detto a Fox News una fonte vicina a Clinton.

Tuttavia, all’inizio di questo mese in un’intervista con Ellen DeGeneres, la Clinton ha respinto le voci sulla sua entrata nella campagna del 2020 .

Quando le è stato chiesto se avrebbe preso in considerazione l’idea di unirsi al biglietto del candidato democratico, ha risposto: “Beh, questo non accadrà, ma no, probabilmente no.”

Tuttavia, non dissipò del tutto la possibilità.
“Non dico mai mai perché credo nel servire il mio paese, ma non accadrà mai”, ha detto a DeGeneres.

Oltre alla speculazione sul fatto che questa sia una reale possibilità da parte di Clinton, ci sono state anche speculazioni sul fatto che questa sarebbe una strategia vincente per Bloomberg.

Bloomberg ha condotto la sua campagna esclusivamente sui numeri, evidente nella sua decisione piuttosto non tradizionale di saltare le prime quattro elezioni statali – lo Iowa caucus, il New Hampshire primario, il Nevada caucus e il Sud Carolina primario – e invece versando soldi in annunci per gli stati del Super Tuesday. Circa 14 stati tengono le loro primarie presidenziali, che quest’anno è il 3 marzo. Quasi un terzo dei delegati democratici impegnati sarà assegnato ai candidati in quel giorno.

Alcuni, tra cui l’ex consigliere della campagna Trump Jason Miller, ritengono che parlare di selezionare Clinton come compagno di corsa sia semplicemente una “cortina fumogena” per garantire che Bloomberg rimanga rilevante e nei media, secondo i rapporti. Altri credono che stia prendendo in considerazione l’idea che Clinton venga utilizzato dalla sua squadra elettorale per coprire gli attacchi a Bloomberg nel ciclo di notizie di questa settimana per presunti commenti sessisti.

Indipendentemente dallo scopo dietro la copertura di questo potenziale abbinamento, non vi è dubbio che l’aggiunta di Clinton al biglietto Bloomberg aggiunge un po ‘di partecipazione alla campagna di Bloomberg, che ha lavorato duramente per vendere come moderato, nella speranza di fare appello agli elettori centristi da entrambe le parti, spiegò Drudge.

Jason Schechter, direttore delle comunicazioni di Bloomberg per la sua campagna, ha rifiutato di commentare direttamente.

“Siamo concentrati sulla primaria e sul dibattito, non sulla speculazione del vicepresidente”, ha detto a CNBC.

Anche il presidente Donald Trump non ha commentato.

Natan Rothstein ha contribuito a questo rapporto.

FONTE: jpost.com
IMMAGINI:  DOUG STRICKLAND / REUTERS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.