Comunicato stampa: La grande abilità del gestire con arguzia il proprio tempo

È stato calcolato che il tasso di efficacia dell’essere umano quando lavora è, mediamente,
pari solo a circa il quaranta per cento del suo potenziale. Questo perché gran parte di ciò
che fa si traduce in attività dì scarso rendimento e perciò in cattivo utilizzo del proprio tempo.

Gestire bene il tempo significa, quindi, soprattutto, impiegarlo nelle attività di maggior resa.

Inoltre per acquisire l’attitudine mentale alla gestione del tempo è utile attenersi a
sei regole fondamentali:

1) Tendere al programmare, non all’improvvisare.

Il nostro rifiuto a programmare dipende spesso dall’idea di libertà che associamo all’improvvisare:
in realtà è veramente libero chi sa pianificare e rendere il più possibile equilibrato e rispondente
alle esigenze il rapporto tra il lavoro, il tempo libero e il divertimento. L’improvvisatore vedrà
la propria libertà drasticamente ridursi all’avvicinarsi di scadenze o al sorgere di problemi.

2) Saper dire di no quando è necessario.

A volte ci assumiamo troppe responsabilità o prendiamo troppi impegni per non essere considerati male dagli altri e per timore di dare un dispiacere. Per evitare lo spreco di tempo conseguente a ciò è
necessario imparare a dire “no” con disinvoltura e senza offendere.

3) Superare la paura del vuoto.

Molti non tollerano l’inattività perché sarebbero costretti a fermarsi a pensare ai propri problemi.
Così non hanno mai tempo di affrontare e risolvere il problema della corretta gestione del tempo.

4) Liberarsi dall’attività coatta.

Più si lavora e più ci sentiamo utili alla società. Se abbiamo ancora tre ore di lavoro mentre quello
che dobbiamo fare ne richiede una, probabilmente cercheremo di impiegare tutte e tre le ore a disposizione. La nostra coscienza giudicherebbe come frutto di scarso impegno il godere del tempo che avanza.

5) Tendere all’azione, non al rinvio.

Si tende a rinviare l’azione per molti motivi, ad esempio la mancanza di scadenze, scadenze troppo lontane, il timore di conseguenze, la mancanza di motivazioni, la mancanza di voglia. È necessario invece abituarsi ad agire.

6) Tendere verso l’autodisciplina.

Le soluzioni possono essere facili da individuare ma non altrettanto facili da seguire. Gestire il tempo
significa utilizzare tecniche che possono non coincidere con le nostre abitudini. L’autodisciplina è fondamentale per combattere con successo le abitudini non corrette.

DOMINA IL TUO TEMPO!

Corso Time Management 80/20

I commenti di chi ha già partecipato.

Ottantaventi lavora dal 1973 nella formazione
per il Management e le Vendite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.