Morte di Hitler: come il mondo lo ha scoperto dalla BBC

Morte di Hitler: come il mondo lo ha scoperto dalla BBC

Karl Lehmann era una delle circa 1.000 persone che lavoravano a Caversham Park entro la fine della guerra

Era sera tardi il 1 ° maggio 1945 e Karl Lehmann stava lavorando alla sua scrivania alla periferia di Reading, 40 miglia (65 km) a ovest di Londra.

Le forze sovietiche si stavano avvicinando a Berlino e la guerra con la Germania aveva raggiunto le sue fasi finali.

Il 24enne stava monitorando la radio di stato tedesca quando agli ascoltatori fu chiesto di prepararsi per un annuncio importante.

“Hanno suonato musica solenne e poi hanno detto che Hitler era morto”, ricorda. “Dissero che era caduto combattendo il bolscevismo. Fu annunciato in modo molto cupo.”

Lui e suo fratello minore, Georg, erano stati mandati dalla Germania in Gran Bretagna dai loro genitori nove anni prima per sfuggire alla crescente persecuzione dei nazisti contro il popolo ebraico. Il loro padre era un ebreo tedesco.

“Ho provato un sollievo totale perché [Hitler] mi ha rovinato la vita.”

Karl Lehmann lavorava alla BBC Monitoring, istituito alla vigilia della seconda guerra mondiale. Il suo obiettivo principale era quello di ascoltare, tradurre e informare il governo britannico sulle trasmissioni radiofoniche dalla Germania e dai suoi alleati, nonché da altri paesi.

Il gruppo di monitoraggio tedesco era composto in gran parte da ebrei, socialisti e sindacalisti che erano fuggiti dalla persecuzione nazista

“Siamo stati i primi in Gran Bretagna a sentire l’annuncio”, ricorda. “L’intero edificio ha esultato. Abbiamo capito quanto fosse importante. Significava la fine della guerra contro la Germania.”

Non fu per altri sei giorni che la Germania si arrese ufficialmente.

Sebbene non vi fosse dubbio che Hitler fosse morto, emerse solo dopo che si era ucciso.
“Fallen significava” morto in un combattimento attivo “- abbiamo sentito una grande bugia”, afferma Karl.
“Non hanno ammesso che si fosse suicidato perché quella sarebbe stata la fine immediatamente. Ma erano gli stessi tedeschi che annunciavano alla loro radio che Hitler era morto. Era ufficiale come te.”
Il giornalista ha anche affermato che Hitler aveva nominato il grande ammiraglio Karl Dönitz come suo successore.

Linea grigia di presentazione

La caduta di Hitler nel 1945

15-16 aprile L’assalto finale a Berlino inizia dall’oggi al domani quando le forze sovietiche lanciano una potente raffica di artiglieria contro le forze tedesche ad est della città

Il 21 aprile l’ Armata Rossa entra nella periferia di Berlino, cattura i sobborghi periferici

27 aprile Le forze sovietiche e americane si incontrano sul fiume Elba in Germania, tagliando con successo l’esercito tedesco in due

29 aprile Hitler ed Eva Braun si sposano nel suo bunker sotto la sede della Cancelleria del Reich

30 aprile Hitler e la sua nuova moglie si uccidono e i loro corpi vengono bruciati

1 maggio La radio tedesca annuncia la morte di Hitler

7 maggio La Germania firma la resa incondizionata, portando a termine sei anni di guerra in Europa

Linea grigia di presentazione

L’annuncio tedesco della morte di Hitler fu rapidamente tradotto da Ernst Gombrich, un supervisore del team di monitoraggio tedesco che divenne un rinomato storico dell’arte.
“L’ha scritto su pezzi di carta, che è stata una cosa terribile da fare perché avrebbe potuto confonderli e aveva una calligrafia terribile”, dice il suo ex collega.
“Lo ha fatto per la velocità perché di solito scrivevamo le cose o le scrivevamo ordinatamente.”

Ernst Gombrich ha quindi telefonato al Gabinetto di Londra per dirlo al governo. Le redazioni della BBC furono anche informate e trasmisero le notizie alla nazione e al mondo.

Karl dice di ricordare un’intera nazione applaudire la notizia.
Per lui personalmente significava che poteva rivedere i suoi genitori. Suo padre, Walter, aveva gestito un’attività di modisteria all’ingrosso a Colonia, che era stato costretto dai nazisti a vendere quasi per nulla prima che lui e sua moglie, Edith, fossero fuggiti dalla Germania, raggiungendo infine gli Stati Uniti.

Mille persone lavoravano al BBC Monitoring a Caversham Park al momento della morte di Hitler.
Dei 40 nella squadra tedesca molti erano ebrei, socialisti e sindacalisti che erano fuggiti dalla persecuzione nazista.
“Furono deliziati dalla morte di Hitler poiché li aveva costretti a emigrare”, afferma Karl.
E la morte del dittatore nazista ebbe un dividendo meno evidente – per i monitor tedeschi.
“Hitler è stato molto difficile da tradurre”, ricorda Karl.

“Era uno scrittore terribile e i suoi discorsi erano poco impressionanti quando li leggevi in ​​tedesco ma totalmente diversi quando parlava. Faceva affidamento sul suo oratorio. Significava che non dovevamo più tradurlo.”

FONTE: AUTORE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.