Estate ed anziani, rischio solitudine e truffe

Durante l’estate, aumenta il rischio solitudine e truffe ai danni degli anziani. Organizzarsi al meglio per gestire questo periodo può non essere semplice, ma di certo non è impossibile: vediamo assieme come fare.

Come prevenire la solitudine negli anziani d’estate

Le temperature troppo alte, le abitudini costrette a cambiare, le città che si vuotano progressivamente ed i parenti che vanno in vacanza: specie in città, l’estate per gli anziani può essere un vero dramma!

Per evitare che l’anziano, privato delle sue abitudini e delle persone che ama, cada in solitudine, è bene organizzare settimana dopo settimana attività, corsi et similia al quale può partecipare l’anziano. In genere, sono sempre tante le associazioni di volontariato o anche il Comune che organizzano varie e diverse attività ludiche per gli anziani, così che siano sempre in compagnia e si divertano: prova ad informarti! Inoltre, cerca di non far mancare mai la tua presenza durante la giornata e, se non riesci perché sei fuori, opta per una persona di fiducia, una dama di compagnia o una struttura per anziani.

Rischio truffe, istruiamo gli anziani

Il periodo estivo è anche quello in cui gli anziani sono più soggetti a truffe, poiché trascorrendo molto tempo da soli possono essere vittima di malintenzionati. Per scongiurare questo pericolo, è bene istruire gli anziani su come comportarsi in presenza di estranei che bussano alla porta – non aprire a sconosciuti, non firmare documenti, non consegnare soldi o altro, non dare informazioni personali o sulla famiglia.

Molto utile è anche l’installazione di un videocitofono o di uno spioncino con video.

Si ringrazia per la consulenza lo staff della casa di riposo vicino Viterbo, La Seconda Gioventù.