Come proteggere la tua casa dai tentativi di furto

Da quando esistono la proprietà privata, le case e le serrature, esistono anche le persone intenzionate a entrare in casa altrui per rubare ciò che non è loro: i ladri.

Purtroppo i furti in casa non sono così infrequenti. Posto che l’aneddotica non fa statistica, tutti conoscono qualcuno a cui è successo di tornare a casa e trovare le stanze messe a soqquadro da malintenzionati disposti ad agguantare ciò che non è loro: preziosi, denaro, ma anche dispositivi elettronici di valore come smartphone di ultima generazione, notebook, tablets, ma anche documenti personali.

Ci sono una serie di cose che si possono fare per gestire il fenomeno. A livello generale mettere le forze dell’ordine in grado di operare celermente, e al contempo eliminare le cause della criminalità: povertà, degrado, carenze sociali e di senso civico-legale.

Ma naturalmente tocca alla sfera politica occuparsi di soluzioni di questo tipo. Il singolo invece può tutelarsi in altri modi.

Il primo è più immediato è quello di sottoscrivere una polizza assicurativa che copra il valore dei beni che potrebbero essere rubati e che copra contestualmente anche i danni che i ladri possono provocare a oggetti e abitazione durante il furto. In questo modo si sa già che in caso di emergenza si avranno le spalle coperte dall’assicurazione, oltre che dalle forze dell’ordine.

Il secondo modo è quello di installare un impianto antifurto di ultima generazione. Gli impianti antifurto odierni sono infatti degli strumenti eccezionalmente all’avanguardia, generalmente composti di due parti fondamentali in dialogo tra loro: l’impianto antintrusione e l’impianto di videosorveglianza.

L’impianto antintrusione, come suggerisce il nome, serve a prevenire l’infrazione scoraggiando i malintenzionati. È costituito da una serie di sensori – a microonde o infrarossi – che sono disposti in prossimità dei punti d’accesso: finestre, porte, ma anche giardini. Appena i sensori rilevano un movimento, o il passaggio di un corpo, il segnale viene mandato alla centralina (il cervello software dell’impianto) che fa partire la sirena e/o notifica automaticamente le forze dell’ordine e il proprietario.

L’impianto di videosorveglianza serve invece a monitorare la situazione sul campo con le telecamere. Oltre a essere un utile strumento di prevenzione (vedere una telecamera tende a scoraggiare i malintenzionati), l’impianto di videosorveglianza gioca un ruolo fondamentale nel registrare il crimine e facilitare il riconoscimento da parte delle forze dell’ordine di coloro che lo hanno perpetrato.

I vantaggi di un moderno impianto di sicurezza domestica sono dunque molteplici: scoraggia i malintenzionati, gli impedisce di portare a termine il colpo e ne facilita l’identificazione in caso di tentati furti.

Ultimo ma non ultimo, dotarsi di queste tecnologie permette naturalmente di pagare un premio più basso sulle assicurazioni contro furti e danni da scasso.

Inoltre, se cerchi sistemi di antifurto a Torino, Milano e nelle altre città non avrai difficoltà a trovarli. Ovunque tu ti trovi potrai facilmente trovare installatori professionali che possono aiutarti a rendere la tua casa e la tua azienda dei luoghi più sicuri!