Disegni moderni con tecniche tradizionali

Intrecciati o annodati a mano? Nodo persiano o nodo turco? Prodotto artigianale oppure annodatura meccanica? Le opzioni tra cui scegliere quando si parla di tappeti sono veramente infinite. La risposta a ogni dubbio però non può venire da altri ma solamente dalle vostre esigenze e dal vostro gusto personale.

Iniziamo parlando di una categorizzazione generica che è possibile fare dei tappeti: tappeto classico e tappeto moderno.

I tappeti classici solitamente presentano un tema floreale e hanno come zona di provenienza l’Asia Centrale.

I tappeti moderni di design invece sono una rivisitazione dei tappeti orientali, che vengono reinterpretati rispettando però le più antiche tradizioni di quest’arte antica.

 

Tappeti moderni: una scelta sicura

I disegni presenti nei tappeti classici, come detto in precedenza, sono caratterizzati dalla presenza di motivi floreali. I tappeti moderni invece vogliono rompere gli schemi stilistici per quanto riguarda i motivi e i soggetti rappresentati. Modernità però non vuol dire tagliare i ponti con le antiche tradizioni manifatturiere, per questo continuano ed essere prodotti come una volta.

Le figure geometriche, le linee, la destrutturazione dei temi floreali sono tutti soggetti che ben si sposano a qualsiasi tipo di ambiente, sia per quanto riguarda lo stile dell’arredamento che per quanto riguarda l’utilizzo cui è stata destinata la stanza in questione.

Come è facile intuire, la modernità del tappeto si sposa facilmente con una tipologia di arredamento dallo stile simile, ma al contrario di quanto pensano in molti un tappeto di qualità non sfigurerà neppure in un ambiente dai toni più classicheggianti.

L’importante sarà abbinare elegantemente le combinazioni di colore per fare in modo che il tappeto e l’arredamento che lo circonda siano in armonia e riescano a valorizzarsi a vicenda.

Un paio di errori da evitare assolutamente possono essere:

  • Abbinare fantasie diverse, come per esempio delle tende a righe con il tappeto a figure geometriche quadrangolari;
  • Posizionare un tappeto chiaro su un pavimento chiaro, e allo stesso modo un tappeto scuro su una pavimentazione scura, questo per evitare che il vostro tappeto passi completamente inosservato.

 

Intrecciati o annodati?

Quando si parla di tappeti è importante fare una differenziazione tra tappeti annodati a mano e tappeti intrecciati. Possiamo partire dal semplice fatto che i tappeti intrecciati non esistono.

I tappeti sono esclusivamente annodati. Nel caso di prodotti di alta qualità e di artigianato l’annodatura avviene completamente a mano, e questo ne determina un aumento notevole di valore. Se invece si fa riferimento a tappeti annodati meccanicamente, l’annodatura in questione avviene industrialmente mediante l’utilizzo di macchinari appositi.

L’importanza e il valore di un tappeto dipendono anche dalla quantità di nodi che presenta per ogni pollice quadrato (unità di misura utilizzata quando si parla di tappeti).

Quando qualcuno parla di intrecciatura le alternative sono due: o non sa di cosa sta parlando oppure fa certamente riferimento ai kilim.

I kilim sono dei tessuti piatti in cui si può notare l’assenza del vello e che solitamente presentano disegni geometrici molto colorati.