Le patologie più fequenti e le vaccinazioni nel gatto

Il gatto, animale che necessita di particolari cure ed attenzioni, deve essere soggetto ad una serie di vaccinazioni in maniera tale che, alcune patologie, possano essere completamente evitate. Ho un allevamento di gatti Ragdoll da oltre 20 anni ed i miei cuccioli sono sempre vaccinati prima di essere consegnati, vedremo però in questo articolo le patologie più frequenti del mondo felino e relativi vaccini.

Il gatto e la visita

Prima di parlare di vaccinazioni e patologie, risulta essere necessario affrontare un argomento molto importante, ovvero quello che riguarda la prima visita.
Bisogna sottolineare che, prima di sottoporre un gatto alla prima vaccinazione, risulta essere necessario attendere almeno dieci settimane: questo per il semplice fatto che, il latte materno definito anche col termine di colostro, fornisce la protezione iniziale ad una gattino, cosa che permette appunto di evitare delle vaccinazioni.
Superata tale fase, risulta essere importante portare il gattino dal veterinario, il quale non lo sottoporrà ad una vaccinazione immediata.
Questo per il semplice fatto che, il gatto, deve essere visitato per vedere la sua fase di crescita e verificare se, la suddetta, risulta essere corretta sotto ogni punto di vista, ovvero se il gatto cresce ed è colpito da qualche patologia grave.
Una volta che si effettua tale tipologia di visita, risulta essere importante iniziare con le vaccinazioni del gatto, le quali risultano essere diverse e quattro di esse sono essenziali per evitare che, il gatto stesso, possa andare incontro a delle problematiche di ogni tipo.

Il vaccino trivalente

Il vaccino trivalente, conosciuto anche col nome di vaccinazione RCP, rappresenta la prima tipologia di vaccinazione alla quale sottoporre il proprio gatto.
Come suggerisce il nome stesso, esso riesce a coprire tre tipologie di patologie che, generalmente, colpiscono il gatto nei primi mesi della sua vita.
Una di esse risulta essere la Panleucopenia felina, ovvero un particolare virus intestinale che colpisce lo stomaco del gatto.
Questo virus non fa altro che creare problemi di tipo intestinale: esso potrebbe comportare vomiti, diarrea e tantissime altre tipologie di problematiche, come quella grave di emorragia.
Questo vaccino riesce anche a combattere la rinotracheite, ovvero una vastissima serie di problematiche che colpiscono il solco nasale e che comporta febbre ed anoressia.
Col passare del tempo, il gatto potrebbe anche andare incontro alla depressione, problematica che risulta essere abbastanza diffusa nei gatti.
Da aggiungere che, il vaccino che previene tale patologia, è essenziale nei primi mesi di vita, visto che esso potrebbe essere un tipo di virus fatale.
Altra tipologia di patologia che, grazie al vaccino RCP viene bloccato nel gatto, risulta essere la patologia del Calcivirus, cosa che comporta tosse ed una vastissima serie di problematiche ai polmoni ed alle vie respiratorie.
Queste particolari tipologie di patologie risultano essere abbastanza gravi nel gatto giovane, che potranno essere combattute grazie a tale tipologia di vaccino iniziale.

Il virus che combatte le Fevl

Come altro tipo di vaccino molto utile, che evita al gatto di andare incontro a situazioni che risultano essere abbastanza gravi, vi è quello che riguarda il vaccino contro le Fevl.
Questa particolare tipologia di patologia risulta essere abbastanza grave e non fa altro che creare problematiche di ogni tipo, come ad esempio diverse tipologie di sfoghi cutanei i quali potrebbero peggiorare col passare del tempo.
Il gatto si ammala di tale tipologia di patologia nel momento in cui, esso, entra a contatto con un liquido organico che proviene da un gatto che ha contratto la malattia.
Si tratta quindi di una patologia che, il gatto cucciolo, potrebbe contrarre quando si trova a contatto coi genitori che sono infetti oppure quando, il suddetto gatto, ha un rapporto sessuale con tale tipologia di felini infetti.
Bisogna aggiungere che, grazie a questo particolare vaccino, sarà possibile prevenire, in maniera completa, questa particolare problematica, che potrebbe essere letale per il gatto.
Il vaccino per le Fevl riesce anche a combattere, in maniera perfetta, la leucemia dei felini.
Questo male è, in linea generale, identico a quello che colpisce un essere umano, cosa che risulta essere letale, nel lungo andare, anche per il gatto, qualora tale tipologia di problematica non dovesse essere combattuta in maniera rapida e veloce.
Questo particolare vaccino riesce a bloccare la possibilità che possa contrarre questo tipo di problema.

Il vaccino pentavalente

Il vaccino pentavalente risulta essere un tipo di vaccinazione che, per il gatto, risulta essere perfetto, dato che esso non fa altro che bloccare completamente tutte le patologie che sono state prima descritte più diverse altre che risultano essere fatali per il gatto.
La malattia in questione risulta essere quella che prendere il nome di clamidia, la quale risulta essere un tipo di patologia del gatto che colpisce la congiuntivite e che potrebbe essere attaccata anche all’essere umano, o per meglio dire, al padrone del gatto stesso.
La patologia si presenta come una classica congiuntivite, con tanto di liquido mucoso, che colpisce prima un occhio e che poi, col passare del tempo, andrà ad infettare anche quello che, fino a quel momento, non era stato colpito dal suddetto virus.
Oltre a questa problematica, il gatto  potrebbe avere anche febbre, vomiti e malessere generale, che col passare del tempo potrebbe peggiorare, seppur essa non è letale.
Tale patologia potrà essere prevenuta col vaccino pentavalente, che appunto risulta essere quello maggiormente completo per il gatto, che sarà in grado di evitare che, la sua vista, possa andare incontro a questo particolare tipo di problema.
Questi sono i vaccini e le patologie che possono colpire un cucciolo di gatto e pertanto, i vaccini prima citati, risultano essere necessari per evitare che, una vasta serie di conseguenze tutt’altro che piacevoli, possano venire a manifestarsi.
Ovviamente, i vaccini di richiamo non devono essere per nessun motivo essere saltati in quanto, sottoponendo il gatto a questi vaccini, sarà possibile rendere maggiormente forti le sue difese immunitarie, cosa che evita che, la situazione, possa essere molto grave e comporti conseguenze letali per il gatto, sia che si tratti di un cucciolo che di un esemplare adulto.