Nel 2018 aumento del costo RC per circa 45.000 automobilisti sardi

Il 4,67% degli automobilisti in regione è stato responsabile di un incidente con colpa. L’Ogliastra è la provincia con la percentuale più alta di assicurati che hanno presentato denuncia. ..continua a leggere

Share2Grow, dalla Unified Communication alla Smart Communication

Il Roadshow di Nethesis sul nuovo sistema di comunicazione intelligente per la prima volta in Sardegna Nethesis, azienda specializzata nell’opensourcing e nella creazione di soluzioni per il settore ICT, prosegue il Roadshow Share2Grow dedicato alla comunicazione approdando per la prima volta in Sardegna, un’area spesso inspiegabilmente trascurata dai grandi player. … ..continua a leggere

Come persuadere chi ci ascolta attraverso la lettura

Togliti dalla testa la convinzione di avere una voce troppo brutta per poter leggere un testo. Non esistono belle voci e brutte voci ma voci più o meno espressive, quando si parla di lettura. Ciò che intendiamo è che conta soprattutto riuscire a catturare l’attenzione di chi ci sta ascoltando … ..continua a leggere

Perché dovresti prendere lezioni di dizione?

Fermati un po’ a pensare alle situazioni che capitano quotidianamente a te e agli altri. Quante volte avrai odiato la tua forte inflessione dialettale o ti è capitato di trovare divertente o fastidioso un discorso pubblico fatto con un accento regionale? Se hai sperimentato esperienze di questo genere ti interesserà … ..continua a leggere

Mostre: che fine ha fatto Peter Pan? Lo si scopre all’EXMA di Cagliari

C’era una volta…e poi. Le fiabe viste con gli occhi di un artista. Questo il titolo dell’esposizione del pittore milanese Massimo Fontanini che, dal 17 febbraio al 19 marzo sarà ospitata in uno dei più interessanti musei italiani di arte contemporanea; l’EXMA di Cagliari (http://www.exmacagliari.com/2017/cera-una-volta-e-poi-le-fiabe-pittoriche-di-massimo-fontanini/). Le tele di Massimo Fontanini, … ..continua a leggere

Fare cinema…a basso costo

Fare cinema in maniera professionale richiede molte risorse economiche. Tuttavia, oggi, grazie alla tecnologia digitale, non è più un sogno destinato a pochi. Sul mercato esistono diverse telecamere di ultima generazione che è possibile acquistare a prezzi ragionevoli. Anche l’avvento delle fotocamere reflex e mirrorless capaci di registrare video ad … ..continua a leggere

Storia dei teatri cagliaritani

I primi teatri vennero aperti a Cagliari nella seconda metà del 700 e furono un luogo di ritrovo e un importante centro della vita mondana. Nella seconda metà dell’800 la scena teatrale cagliaritana era contesa tra due teatri: il Civico e il Cerruti. Il primo frequentato da aristocrazia e alta borghesia, il secondo da pubblico composto principalmente da commercianti e piccola borghesia. Gli attori, linfa vitale del teatro, in questi anni assunsero il ruolo di depositari di eleganza e cultura diventando, ancora oggi, per alcuni strati della popolazione, un idolo da ammirare. Questo desiderio di emulazione favorì la nascita di corsi teatrali che permettono ad ognuno di camminare tra il mondo della finzione e il mondo della realtà. ..continua a leggere

Storia dei teatri cagliaritani

I primi teatri vennero aperti a Cagliari nella seconda metà del 700 e furono un luogo di ritrovo e un importante centro della vita mondana. Nella seconda metà dell’800 la scena teatrale cagliaritana era contesa tra due teatri: il Civico e il Cerruti. Il primo frequentato da aristocrazia e alta borghesia, il secondo da pubblico composto principalmente da commercianti e piccola borghesia. Gli attori, linfa vitale del teatro, in questi anni assunsero il ruolo di depositari di eleganza e cultura diventando, ancora oggi, per alcuni strati della popolazione, un idolo da ammirare. Questo desiderio di emulazione favorì la nascita di corsi teatrali che permettono ad ognuno di camminare tra il mondo della finzione e il mondo della realtà. ..continua a leggere

X E N O S, Giuliano Ravazzini

 

Baiarte Arte e Territorio, Migrazioni di Microazioni, Art Link

 

L’associazione culturale Baiarte (arte e territorio) è lieta di comunicare ai media nazionali l’azione evento dell’artista Giuliano Ravazzini.

Si tratta di un opera site specific  visibile nei territori di approdo/accoglienza dei migranti. Il progetto partirà in contemporanea nei seguenti luoghi: Agrigento-Lampedusa-Cagliari-Elmas-Lecce-Otranto-Ragusa-Pozzallo. L’artista presenzierà all’installazione dei segnali nei punti prestabiliti coadiuvato dalle maestranze e dai cantonieri locali. Il progetto denominato Xenos è la rappresentazione sintetica e simbolica del sentimento che ci accomuna nei confronti dello straniero che arriva nei nostri territori. Un momento di riflessione e di approfondimento sul fenomeno che nonostante il clamore mediatico sostanzialmente ignoriamo.

 

Giuliano Ravazzini

Xenos nemico straniero/amico rituale

Agrigento-Lampedusa-Cagliari-Elmas-Lecce-Otranto-Ragusa-Pozzallo

Dal 31/05/2016 al 31/05/2017

 

Il confine è un ostacolo quasi sempre superabile! Non consente transiti che non siano regolamentati, e ha dalla sua  il peso della legge: per scavalcarlo bisogna infrangerla. Una linea immateriale oltre la quale c’è un altro luogo, che si può raggiungere anche se si impegna per non farci passare.  Un invito vietato, oltrepassato il quale provoca  brividi di conquista, e intensa consapevolezza.

Al di là c’è un paesaggio che pur nella similitudine  non  appartiene,  una memoria riscrive e codifica questo oltre con altri significati che riguardano una idea di posto migliore dove stare. Ecco dunque i flussi progressivi di umanità che si spostano verso luoghi già densamente abitati e con abitudini secolarizzate dalla religione e dal diritto romano.

La nostra evidente decadenza assimila il fenomeno e produce solo  attività funzionali ad un miglior sfruttamento (economico e simbolico) delle migrazioni stesse. Quale è il sentimento che realmente prevale verso questo fenomeno apertura e comprensione o paura?

L’artista interviene e dichiara il duplice sentimento che prova con l’opera dal titolo  xenos parola ambigua usata nella grecia antica da Omero  a significare concetti divergenti come “nemico straniero” così come “amico rituale”. Un equilibrio fragile la cui stabilità dipende dalla nostra resilienza, immigrare è portare con se stati emozionali del proprio paese di origine, contaminare come una malattia il nuovo ambiente che si destabilizza.

Aldo Pe

Tag: xenos, confine, proprietà, privato, delimitare, segnare, pietra, barra, steccato, curva, immateriale, frontiera, linea, demarcazione, alt, italia, cuore, razzismo, heart, customs, carità, mano, multirazziale, clandestino, emarginato, agrigento, lampedusa, cagliari, elmas, lecce, otranto, ragusa, pozzallo