Mercati delusi dal Fomc: resta il dubbio sul rialzo dei tassi USA

La Federal Reserve non ha ancora una visione unanime riguardo al rialzo dei tassi di interesse. Ne ha praticati già due nel corso del 2017, e il terzo si ritiene possa avvenire a dicembre. Tuttavia il comitato di politica monetaria (Fomc) quando si è riunito lo scorso settembre ha portato alla luce diverse anime che non sembrano andare troppo d’accordo. Questo è emerso dalle minute rese pubbliche l’11 ottobre.

mercati dollaroUn numero crescente di funzionari del board americano, avrebbe infatti manifestato qualche perplessità circa un nuovo intervento. A far sorgere i dubbi continua ad essere la dinamica dell’inflazione, che si muove ancora attorno all’1,5%, ben distante dal 2% posto come obiettivo dalla FED. Ecco perché alcuni membri del Fomc avrebbero chiesto di verificare prima i dati che usciranno riguardo ottobre e novembre, e poi decidere se alzare o meno il costo del denaro.

Cosa cambia dopo il Fomc sui mercati

Quello con le minute del Fomc era l’appuntamento più atteso per i mercati, sia per i grossi operatori finanziari che per quelli che si limitano a mettere in pratica semplici tecniche o strategia forex intraday trading. Ebbene, non sono emerse indicazioni decisive riguardo alle prossime mosse della FED. La cosa più probabile resta un aumento dei tassi a dicembre, ma nessuno potrebbe metterci la mano sul fuoco.

Non è un caso che subito dopo la lettura delle minute, i mercati hanno penalizzato il dollaro. Il biglietto verde ha avuto un lieve calo nel valutario. Si può vedere l’indicatore ADX come funziona in questo caso: questo strumento di analisi evidenzia un aumento della pressione da parte dei venditori. C’è un po’ di scetticismo quindi, e tenuto conto che invece l’euro ha ripreso a marciare spedito, questo potrebbe innescare un contro-trend da parte della valuta unica. Occhio però, perché quando c’è la Federal Reserve di mezzo non si può mai dare nulla per scontato.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati